Screenshot 2020-11-02 at 17
Loading...

Il metodo Life Cycle Assessment

Che cosa è?

Il Life Cycle Assessment (LCA, analisi di ciclo di vita) è la metodologia di riferimento per la quantificazione dell’impatto ambientale associato all’intero ciclo di vita di un’unità di prodotto (produzione, uso, smaltimento). Il metodo LCA è standardizzato a livello ISO (ISO 14040, 14044). I suoi punti di forza sono:

- applicabile a tutti i sistemi produttivi;

- utile per il monitoraggio delle azioni di miglioramento aziendale;

- spendibile nei processi di certificazione aziendale.

Che cosa è?
Figura 1. Fasi del metodo LCA (ILCD handbook, 2011)
Come funziona

Il metodo si compone di 4 fasi distinte:
Goal and scope definition: definizione i) degli obiettivi per i quali si applica il metodo LCA; del prodotto/prodotti e del sistema produttivo analizzati; iii) delle tipologie di impatto da stimare.

Inventory analysis: fase di raccolta di tutti i dati necessari. Il risultato è inventario di tutti gli input e i processi necessari per produrre una unità di prodotto.

Impact assessment: fase di quantificazione degli impatti, calcolati a partire dall’inventario tramite equazioni, algoritmi e metodologie specifici per il tipo di impatto e i processi produttivi analizzati.

Interpretation: fase di analisi ed interpretazione dei risultati ottenuti, valutando anche il peso relativo sull’ all’impatto complessivo delle diverse fasi del processo produttivo.

LCA nell’azienda agro-zootecnica

L’applicazione del metodo LCA nelle aziende agro-zootecniche prevede di analizzare le emissioni e il consumo di risorse lungo la filiera produttiva, dalla produzione degli alimenti e degli input energetici e dei materiali, al loro uso da parte degli animali e dell’allevatore, alla gestione delle deiezioni prodotte. La creazione dell’inventario si concentrerà quindi sulla presenza e caratteristiche degli animali, su quello che mangiano, su quello che producono e sulle diverse operazioni eseguite dall’allevatore.

Il prodotto analizzato dipenderà dal sistema produttivo (es. 1 kg di latte per le vacche da latte, 1 kg di peso vivo ottenuto nei vitelloni da carne), mentre le tipologie di impatto

principalmente analizzate sono l’emissione di gas serra, di sostanze contribuenti ai fenomeni di acidificazione ed eutrofizzazione delle acque e dei suoli, e l’uso di energia e di suolo agraria, risorse limitate che devono essere efficientemente utilizzate.